Continuiamo oggi la nostra idea di #30giorniperrisparmiare. Se hai letto la prima parte, avrai sicuramente notato che un paio di sfide sono davvero toste. Ma le prossime sfide da 30 giorni per risparmiare lo saranno ancora di più.

Per chi stesse leggendo solo questo articolo perché appena arrivato su Nedben, facciamo un breve riassunto: l’idea di fondo è quella di portare a termine un’azione per 30 giorni di fila, così da trasformare un buon proposito in una buona abitudine e imparare a conoscere meglio il denaro e il suo valore e al contempo risparmiare cifre importanti.

Fatta questa piccola premessa, continuiamo con le sfide!

6. Per 30 giorni, mantieni il termostato 5 gradi meno del solito

In realtà, questa sfida è perfetta per i mesi invernali; per quelli estivi, semplicemente imposta il termostato a 5 gradi più del solito.

In etrambi i casi, l’obiettivo è abbassare la spesa dell’aria condizionata senza che questo significhi patire il freddo o il caldo. Oltre al fatto che si tratta di denaro che resta fermo nella tua tasca, potresti imparare che non è necessario tenere le temperature troppo alte per mantenere la casa calda. E anche se così non fosse, questo ti spingerà a trovare piccoli stratagemmi per riscaldarti in modo alternativo, come per esempio indossare maglioni e calzini di lana anche in casa, oppure, in estate, aprire le finestre e indossare abbigliamento minimale.

E anche se alla fine della sfida concluderai che 5 gradi di varianza erano troppi, potresti anche accorgerti che la temperatura precedente non era proprio necessaria. E allora anche 2 o 3 gradi in meno possono costituire un risparmio importante.

7. Per 30 giorni, non fare colazione al bar

Ti fermi al bar prima di andare a lavorare? Significa che ogni mattina spendi circa un euro per un caffè e un altro euro per un cornetto. Per non parlare se fai colazioni più costose come un cappuccino e una brioche.

Questo significherà risparmiare almeno 60 euro in 30 giorni. E se non ti piace il caffè o non hai una macchinetta a casa, puoi provare qualche alternativa come un’ottima premuta d’arancia o un semplice bicchiere di latte. Anche la vitamina C, il calcio e le proteine aiutano a cominciare bene la giornata, sai? In alternativa esistono i caffè e i cappuccini solubili che ti permetteranno di fare una colazione altrettanto gustosa, ma sicuramente più economica. E se trovi qualcosa che ti piace, fidati, che al bar non ci passerai più.

8. Per 30 giorni, non comprare nulla di superfluo

Sforzati, per trenta giorni, di non acquistare nulla che non sia necessario alla sussistenza di base. Compra del cibo normale, detergenti di marche meno costose e paga le bollette e l’affitto. Niente brand luccicanti dalle pubblicità per la pulizia della casa e niente cibo gourmet. Solo il necessario. E se hai degli hobby, rimanda le spese extra al prossimo mese.

Qualcuno potrebbe dire: certo, farà risparmiare tanto, ma non sembrerà una vita troppo miserabile?

In realtà no: sapere che dura solo un mese renderà tutto più sopportabile. E alla fine del percorso sarai portato a valutare meglio la reale necessità di ciò che acquisti e ti renderà più predisposto a rinunciare ai comfort nei momenti di emergenza economica. Tutto allenamento per stringere di più la cinghia, insomma!

9. Per 30 giorni, pensa a dieci idee regalo per una persona importante

Una sfida strana, vero? Come può una cosa del genere essere lontanamente connessa al benessere finanziario?

Proviamo a spiegarlo con un esempio adatto a questo periodo: quante volte ti sei ridotto all’ultimo per comprare al tuo lui o la tua lei un regalo per San Valentino? E quanto ti è costato questo regalo dell’ultimo minuto?

Immagina di avere una lista di dieci regali ideali per il tuo partner tra cui c’è un maglione. Sì, lui o lei adora i maglioni. E durante i saldi di gennaio ne trovi uno perfetto. E per giunta a metà prezzo. Perfetto per la prossima occasione! Lo compri subito, risparmi il 50% sul prezzo originale e hai risolto con un mese di anticipo il problema del regalo.

Ora immagina di non averla, quella lista. Probabilmente saresti passato avanti a quella stessa vetrina, con quello stesso maglione, e ti saresti lasciato sfuggire l’opportunità, pagandolo il doppio, o persino di più, un mese più tardi.

Avere una lista dei per ogni persona importante nella tua vita significa regalare sempre qualcosa di originale ed evitare di spendere cifre eccessive per un motivo così banale come la fretta di compiere la missione di trovare il regalo giusto.

E se le persone nella tua vita sono meno di trenta? Beh arrivato alla fine, ricomincia il giro daccapo!

10. Per 30 giorni, annota ogni singolo centesimo che spendi

Tieni un taccuino in tasca, usa un’app, scrivilo nel palmo della mano, ma fallo. Ogni volta che spendi un centesimo, fosse anche l’elemosina a un mendicante, devi annotarlo. Compri qualcosa usando la carta di credito? Devi annotarlo. Esci a fare la spesa? Ovunque tu vada, fatti dare la ricevuta e conservala finché non annoti tutto.

Quando scrivi tutto quello che spendi e ne fai un calcolo, riesci più facilmente a renderti conto di come i tuoi soldi volino via dal tuo portafoglio. Eppure, nonostante ciò, i dati saranno falsati. E sai perché? Perché già durante il mese, inizierai a pensarci due volte prima di comprare qualcosa di non immediatamente necessario solo perché c’è un grande cartello con su scritto uno slogan accattivante.

Alla fine del mese confronta le tue note con le ricevute e gli estratti conto e raggruppa secondo i criteri che preferisci, così da sapere in quali categorie spendi di più e dove puoi migliorare.

Come sono andati i tuoi 30 giorni per risparmiare?

Ora che l’elenco è completo, raccontaci quale sfida hai provato, pubblica le tue storie sui social in modo da diffondere l’idea e non dimenticare l’hashtag #30giorniperrisparmiare.

E naturalmente, racconta tutto al resto della community di Nedben!