Risparmiare sulla spesa sembra essere uno dei crucci maggiori degli italiani, che sono alla costante ricerca di regole, trucchi e strategie per trarre il massimo dai propri acquisti settimanali, soprattutto per quanto concerne la spesa alimentare, vero e proprio ago della bilancia in quanto a finanze del nucleo familiare.

Per questo motivo, qui su Nedben proponiamo spesso questo tipo di consigli e best practice per risparmiare sulla spesa e per fare acquisti più consapevoli. E per continuare questo filone, oggi diamo una lista di cose da ricordare prima di andare a fare la spesa. Sono soltanto otto, ma molto importanti.

1. Prima di entrare

Il miglior posto per prendere una decisione sul comprare o non comprare qualcosa è fuori al negozio. Mai entrare in un negozio senza l’intento di acquistare qualcosa e senza sapere più o meno esattamente cosa stai cercando di comprare, perché i negozi sono progettati per convincerti in infiniti subdoli modi a comprare qualcosa che non prevedevi di comprare e di cui non hai realmente bisogno. Vivono di questo.

2. Gli sconti

Quando compri un oggetto scontato non stai risparmiando. Stai solo spendendo un po’ di meno. È comunque una spesa e incide comunque sul tuo budget. I negozi amano dirti quanto stai risparmiando: costava 100 euro, ora ne costa 60, quindi stai risparmiando 40 euro!

Ma non è per niente accurato: a meno che tu non abbia bisogno di quello specifico oggetto, non stai risparmiando, se lo compri. Dovresti considerare un oggetto a prezzo scontato solo se hai già deciso di acquistarlo.

3. I programmi fedeltà

I programmi fedeltà sono una cosa buona, ma attenzione ai trabocchetti. Questi programmi sono pensati dalle aziende per tenersi stretti i propri clienti e far sì che tornino a comprare. E infatti spesso consistono nel premiare con degli omaggi i clienti che si recano per un tot di volte al negozio per acquistare qualcosa.

Devi fare attenzione a due cose: la prima è se ti vengono richiesti i tuoi dati personali, specialmente il tuo indirizzo e-mail, perché spesso finisci col ricevere newsletter che non pensavi di aver chiesto; la seconda è che il programma fedeltà non deve mai diventare un motivo per spendere denaro. Un po’ come il punto precedente, il risparmio è vero solo se avevi già deciso di acquistare presso quel negozio.

4. Gli acquisti online

Quando acquisti online, fai una ricerca inversa dell’immagine del prodotto. Se per esempio trovi un prodotto di tuo interesse su Subito o eBay completo di immagini, scarica una di queste e usa lo strumento di Google Immagini che permette di cercare un’immagine sul web. In questo modo troverai foto simili o uguali. E se la stessa immagine, che dovrebbe appartenere a un oggetto usato, è stata usata su un altro sito, non comprare l’oggetto, perché potrebbe non essere l’originale.

5. Il costo per unità

Quando compri cibi non freschi, quindi a scadenza lunga, l’unico prezzo che conta è il costo per unità. Sull’etichetta del prezzo di molti prodotti alimentari vedrai due prezzi: il prezzo dell’articolo e quello per 100gr di prodotto. La stessa logica viene applicata anche per altri generi di prodotti, come i detersivi o i consumabili: una confezione da 200 buste freezer a 3 euro è più conveniente di una da 50 buste a un euro.

6. Svuotare la credenza e il freezer

Almeno una volta al mese, dovresti controllare cosa hai conservato nel freezer e nei mobili del cibo. Questo ti aiuterà a risparmiare sulla spesa alimentare. Il motivo è semplice: spesso compriamo prodotti con offerte del tipo 3×2 o 2×1, così possono accadere due cose: cuciniamo in eccesso e congeliamo l’eccesso, oppure lasciamo delle confezioni chiuse nella credenza. In entrambi i casi, facendo questo tipo di ricerca, scopriamo che possiamo cucinare intere ricette senza dover acquistare nulla.

7. Il tempo tra una spesa e l’altra

Recati a fare la spesa con una frequenza pari alla scadenza dei prodotti freschi che acquisti. Le verdure e la carne, per esempio, durano da una a due settimane. Cerca di usare prima gli alimenti che scadono più in fretta e vai a fare la spesa solo quando gli ultimi a scadere vengono cucinati.

In questo modo, quando andrai a fare la spesa dovrai di nuovo riempire il carrello e non ci sarà spazio per inutili acquisti extra.

8. Le ricevute

Fai una foto di ogni ricevuta col tuo smartphone. Dalla tasca possono sfuggire, dalla galleria dello smartphone un po’ meno. Questo ti aiuterà a tenere traccia di tutte le tue spese giornaliere. E non esiste metodo più preciso. Sapere quanto spendi ti aiuta a capire dove puoi tagliare e ti permette di pianificare in modo più preciso.

Le tue regole

Questa serie di suggerimenti è solo una piccola parte dei nostri consigli per risparmiare sulla spesa. Continua a seguire la community di Nedben per altre idee e trucchi per risparmiare.