Uno dei modi migliori per arrotondare lo stipendio è quello delle vendite online. Trovare oggetti in casa che non utilizziamo più ed esporli nella grande vetrina di internet è una soluzione che abbiamo proposto diverse volte come modo per uscire da una situazione di crisi di liquidità particolarmente spinosa o per recuperare una parte del denaro speso in modo incauto. Tuttavia, quando ci sono tante persone che fanno tutte la stessa cosa, la competizione può essere feroce. Inoltre, non vuoi fare errori quando si tratta di incassare un po’ di soldi e vuoi anche evitare estenuanti trattative coi possibili acquirenti.

Detto questo, vediamo quali sono gli errori più frequenti nelle vendite online e come evitarli.

Compilare una descrizione poco chiara

Certo, potresti vendere qualche oggetto abbastanza conosciuto e molto generico, come un iPhone o altri tipi di gadget. Tuttavia, questo non significa che devi lasciare il campo della descrizione completamente vuoto. La descrizione è l’opportunità perfetta non solo per spiegare com’è fatto il prodotto e in che condizioni si trova, ma anche includere parole-chiave che ti faranno scalare l’annuncio di qualche posizione su Google e scrivere un testo che sia in grado di convincere un potenziale acquirente che l’oggetto vale la pena di essere acquistato e pagato quanto richiesto da te.

Tutte le vendite online sono uguali, dall’oggetto di lusso su Amazon allo spazzolino elettrico usato, quindi valgono le stesse regole di marketing.

Non fare ricerche sul prezzo

La probabilità che ci siano altre persone che stanno cercando di vendere online lo stesso esatto prodotto che vuoi vendere anche tu, o comunque di poco diverso, è molto alta. Ecco perché devi fare delle ricerche, così da avere una buona idea sul prezzo. Se metti un prezzo troppo basso, perderesti un importante margine di profitto, mentre se il prezzo è troppo alto, nessuno ti considererà nemmeno.

Non fare un minimo di marketing

Mettiamo il caso tu voglia vendere un prodotto su eBay. Programmi un’asta che finirà tra sette giorni. Dopodiché aspetti e speri che qualcuno sia interessato. Ecco, questo è il modo più sbagliato. Dovresti invece pubblicizzare il tuo prodotto sul maggior numero di canali gratuiti che hai a disposizione. I social network sono un punto di partenza, soprattutto se hai un buon seguito. Condividi il link sul tuo profilo, nei gruppi e chiedi a parenti e amici di aiutarti con una condivisione.

Stabilire un prezzo di consegna troppo basso

Molte persone fanno l’errore di inserire un prezzo di consegna a caso, ma quando questo è troppo basso, può incidere significativamente sui profitti delle tue vendite online. La cosa migliore da fare è allinearsi ai tariffari di compagnie come Bartolini, GLS e DHL, così da avere una stima più precisa sui costi di spedizione per l’oggetto in questione.

Non essere sinceri

Se hai un telefono di seconda mano con qualche problema qua e là, non scrivere che è in condizioni eccellenti. Certo, potresti effettivamente fregare qualche compratore, ma ciò che otterrai sarà solo scocciature e spese in più quando l’acquirente si lamenterà e vorrà restituirlo. Inoltre, ti lasceranno una recensione negativa, il che pregiudicherà le tue prossime vendite online.

Conclusioni

Se riesci a evitare questi errori, avrai una grande possibilità: vendere online tutta la tua roba inutilizzata in casa, il che è un ottimo modo per guadagnare un po’ di denaro extra per i tuoi risparmi o per ripagare i debiti.

Vendi anche tu online? Quali sono gli errori che vorresti non aver fatto? Aiuta il resto della community di Nedben con i tuoi consigli.