Ne abbiamo già parlato in diversi articoli, tra cui proprio quello di inizio anno in cui abbiamo anche fornito un modello scaricabile per pianificare le proprie spese. Con questo post, vogliamo non solo ribadire l’importanza di avere un budget mensile a cui attenersi per cercare di risparmiare e far fronte a tutte le spese, ma vogliamo anche spiegare questo punto in maniera dettagliata a chi avesse ancora qualcosa da chiedere.

Una delle domande più frequenti, riguarda proprio la frequenza con cui bisognerebbe pianificare le proprie spese. La risposta, semplificata, è: spesso. Ma soprattutto, a seconda della frequenza con cui percepisci le tue entrate fisse, come lo stipendio mensile.

Uno dei problemi nel pianificare il budget mensile è che non c’è un sistema in cui tu imposti dei parametri e poi c’è un computer, un algoritmo o un deus ex machina che fa tutto al posto tuo. Pianificare il budget mensile è una cosa che richiede pratica, errori e revisioni frequenti.

E soprattutto quando hai bisogno di pianificare come spendere fino all’ultimo centesimo, diventa importante spendere il tuo denaro su cose rilevanti nella tua vita nel momento stesso in cui la vivi, perché le tue esigenze cambiano di mese in mese e tu non sei mai la stessa persona che eri un mese fa. Panta rhei, diceva il filosofo greco Eraclito.

Vediamo, quindi passo dopo passo, come pianificare il budget mensile nel modo giusto.

1. Considera le tue spese fisse

Prendi un foglio di calendario del prossimo mese (già, scordati di pianificare il budget mensile al 18 del mese, ma piuttosto anticipa quello del mese successivo, in modo da avere tutto pronto già il primo del mese), poi inizia a scrivere qualsiasi cosa incida sul tuo budget al giorno della loro scadenza, reale se ne sei già a conoscenza, presunta se hai solo un’ipotesi: bollette, rate, affitto, compleanni, eventi per i quali servono soldi, paghetta ai figli e così via.

2. Scegli in quale mese far rientrare le spese

Se vieni pagato il primo giorno del mese, è tutto molto semplice, ma le cose diventano un tantino più discutibili quando si rientra negli altri casi, quali il salario settimanale, bisettimanale, o anche se si riceve lo stipendio il 27 del mese, ma ci sono bollette da pagare il 30 o il 31.

In questi casi, devi scegliere quale entrata sarà destinata a pagare una determinata uscita. Può sembrare un passaggio da niente, ma in realtà è molto importante, perché farà sì che tu paghi più spese fisse nel periodo del mese in cui hai meno bisogno di soldi e che abbia più liquidità quando ne avrai bisogno.

3. Considera le spese variabili

Ora il puzzle inizia a completarsi. Sappiamo che pianificare il budget mensile è utile non solo a far fronte alle spese fisse, ma anche quelle che cambiano di volta in volta, come le spese giornaliere. Ma proprio perché esse sono variabili, è più difficile stabilire un budget per esse.

Per farlo, Considera l’intervallo di tempo tra un’entrata e l’altra e sottrai tutte le spese fisse di quel periodo. La differenza, ovvero ciò che ti resta, determinerà quanto potrai spendere in cibo, vestiti, cura persona, intrattenimento e altro ancora.

Un buon metodo è quello di prelevare il denaro che vuoi destinare alle spese variabili e disporre i contanti in diverse buste da lettera (in alternativa, trasferirlo su diverse carte prepagate) e decidere a cosa saranno destinati quei soldi. Le categorie che abbiamo menzionato sopra, per esempio, sono un buon punto di partenza, anche se dovresti scegliere quelle che hanno più senso per te.

4. Tieni traccia di prestiti e rate

Devi ripagare un prestito o un debito con la tua carta di credito? Lo avrai sicuramente incluso nei tre passaggi di cui sopra, ma ne stai tenendo traccia? Un improvviso aumento degli interessi, per esempio, potrebbe rovinare i tuoi piani di ripagare il tuo debito in un intervallo di tempo prefissato. Oppure, se ti accorgi di avere nuove spese fisse il prossimo mese, allora dovrai rinunciare a qualche altra spesa variabile per evitare di metterci troppo tempo a ripagare i debiti.

5. Differenzia le spese previste da quelle effettive

La vita è fatta anche di imprevisti, e nessuno può sapere cosa accadrà durante il mese, e quindi le spese potrebbero cambiare da un momento all’altro. Tenere traccia anche delle spese effettive, invece, ti aiuterà a correggere il tiro nei mesi successivi.

Come pianifichi il tuo budget mensile?

Ora tocca a te: la community di Nedben è pronta ad ascoltarti: ci daresti qualche consiglio per pianificare il budget mensile?