I bambini hanno un legame particolare con i giocattoli: possono desiderarne uno con così tanta forza che noi adulti a volte possiamo soltanto piegarci ai loro capricci sperando che il nuovo acquisto li soddisfi. Però puntualmente, nemmeno due giorni dopo e il nuovo giocattolo, costato anche tanto perché magari è uno di quelli che vengono pubblicizzati in TV, è già finito nel dimenticatoio. Questo comportamento causa un enorme spreco di soldi per i genitori, che ben presto si troveranno a dover fronteggiare un’altra situazione del genere, che probabilmente avrà lo stesso esito. Per fortuna, però, esistono dei giocattoli con cui i più piccoli giocano sicuramente più a lungo, ed è su quelli che bisogna investire, perché spesso accompagnano i più piccoli per anni. Ma quali sono i giocattoli che durano di più? Proviamo a farne una lista.

Piccoli veicoli per bambini

In questa categoria includiamo quei giocattoli che, al pari dei veicoli per noi adulti, consentono al bambino di spostarsi da un punto A a un punto B, e soprattutto di scorrazzare in giro. Monopattini, piccole automobili a pedali e soprattutto biciclette sembrano essere oggetti molto costosi, ma in realtà i bambini si divertono molto a usarli e usano lo stesso mezzo per anni e anni.

L’unico motivo per cui un bambino smetterà di usare questo tipo di giocattoli sarà solo quello di essere cresciuto e aver bisogno di un mezzo più grande. A quel punto puoi recuperare qualche soldo rivendendo quello vecchio come usato online.

Giochi da tavolo

I giochi di società sembrano un qualcosa di desueto, qualcosa da tirare fuori soltanto a Natale quando ci sono i parenti, ma in realtà si tratta di un tipo di giochi che incuriosiscono molto i bambini, per i quali anche un banale mazzo di carte può essere fonte di ore e ore di intrattenimento, senza contare che molti di questi giochi hanno un impatto positivo sulle loro facoltà mentali. Del resto, noi adulti giochiamo ancora oggi a Monopoli, Indovina Chi, Cluedo, Scarabeo e tanti altri proprio perché li abbiamo conosciuti durante la nostra infanzia.

Tra tanti pro, l’unico contro è quello che il bambino avrà necessariamente bisogno di un compagno di giochi, che può essere un fratello o un amico, ma anche un genitore.

Console per videogiochi

Anche questo tipo di giocattolo sembra costoso, con le console di ultima generazione come PlayStation 4, Nintendo Switch e Xbox One che arrivano a costare diverse centinaia di euro, ma in realtà assicura diversi anni di divertimento grazie al numero e alla varietà impressionante di videogiochi che vengono rilasciati. Lasciando i luoghi comuni sul fatto che non siano educativi, ampiamente smentiti, i videogiochi di fatto aprono un mondo di possibilità. Trattandosi del settore tecnologico, inoltre, si è portati a pensare che questo tipo di giocattoli sia ben presto soppiantato da un modello successivo, ma in realtà non è così: le console non sono smartphone, e restano sul mercato molto di più. Basti pensare che prima che arrivasse la Xbox One, la Xbox 360 è rimasta sul mercato per quasi nove anni e sono usciti nuovi titoli fino a due anni dopo il ritiro.

Costruzioni

I giochi di costruzioni stimolano sia la logica che la creatività e restano uno dei giocattoli più educativi di sempre. E come ogni gioco che stimola la creatività, le costruzioni hanno infiniti utilizzi, e prima che un bambino possa stancarsi in genere passano anni e anni. Lego, leader del settore, rilascia nuovi set di costruzioni in continuazione, aumentando così questa possibilità.

Materiale da disegno

Un gran bel set completo di penne, pastelli a cera, pennarelli, matite e tempere è un oggetto da comprare e sottoporre all’interesse del bambino sempre e comunque, perché spesso ne vale la pena. I bambini sanno essere molto più creativi se hanno gli strumenti giusti a portata di mano e vale sempre la pena avere materiale di cancelleria di qualità, affinché duri a lungo e non spezzi la fantasia dei più piccoli. Basta un album e dei colori e i bambini possono giocare per ore e ore e inventare nuove storie coi loro stessi disegni.

Consiglio: cerca di capire le sue inclinazioni

Al di là di questi suggerimenti, per capire quali sono i giocattoli che durano di più nelle mani di un bambino, bisogna capire quali sono le sue inclinazioni: se regalandogli un set di pennarelli dimostra di amare il disegno e di avere del potenziale, vale la pena comprare delle tempere o degli acquerelli e dei pennelli, oppure se dimostra di amare l’aria aperta, oltre alla bicicletta potrebbe essere una buona idea regalargli qualche attrezzo sportivo come un paio di pattini o uno skateboard, per esempio.

Hai dei figli o dei nipoti? Quali sono i giocattoli che durano di più nelle loro mani? Condividi la tua esperienza sulla community di Nedben.