Siamo tutti abituati ai comfort che ci risparmiano la fatica di un qualsiasi lavoro manuale, soprattutto i piccoli e grandi elettrodomestici che in cucina assolvono sia alle necessità più importanti che a quelle minori, come forno, microonde, frigorifero, freezer, lavastoviglie, robot da cucina, tostapane e chi più ne ha più ne metta. Di una parte di questi non puoi farne a meno, ma allo stesso tempo consumano tantissima elettricità. Eppure, quando la bolletta aumenta e le risorse del pianeta scarseggiano, non dovremmo fare tutti la nostra parte e risparmiare energia quando possibile?

La buona notizia è che non ci vuole molto per fare una grande differenza. E che abbiamo raccolto ben dieci trucchi che puoi usare in cucina per risparmiare energia elettrica.

1. Pentole a pressione

Le pentole a pressione possono ridurre fino al 50% i tempi di cottura e riescono a cuocere uniformemente ogni tipo di cibo. In pratica potrai mangiare una carne deliziosa che si stacca dall’osso in metà del tempo rispetto alle pentole tradizionali? Non è fantastico?

2. Cuocere le verdure al vapore

Uno studio brasiliano dimostra che la cottura al vapore conserva tutti i valori nutrizionali delle verdure. I ricercatori hanno analizzato un totale di ventuno studi che hanno dimostrato come diversi metodi di cottura influiscano sulla qualità delle verdure, in particolare sui loro livelli di antiossidanti, composti in grado di contrastare varie malattie, come il cancro, i disturbi cardiovascolari, il diabete, l’osteoporosi e le malattie neurodegenerative.

Ai benefici per la salute, poi, si aggiungono anche i benefici al portafoglio, visto che a parità di energia è possibile cuocere il triplo delle verdure rispetto alla classica bollitura. Niente male! Oltre ai classici cestelli per pentola a pressione puoi cuocere a vapore con una vaporiera.

3. Pentole in ghisa

Le pentole in ghisa trattengono il calore in modo molto più efficiente rispetto all’alluminio o alle pentole in acciaio inox, il che significa una minore temperatura di cottura, che a sua volta si traduce in risparmio energetico. Inoltre, lo sapevi che i cibi cucinati nella ghisa tendono a mantenere il loro quantitativo di ferro, dandoti anche benefici per la salute?

4. Pirofile in vetro

Se usi il forno, forse saprai che esistono alcuni tipi di pirofile fatte in vetro resistente al calore o in ceramica che sono molto più efficienti in termini di conduzione del calore, il che ti permette di cucinare i cibi al forno a una temperatura più bassa, il che significa più lasagne!

5. Spiedini in acciaio

Ecco un’altra trovata interessante. E se stai pensando al fatto che puoi banalmente riutilizzare gli spiedini in acciaio, sappi che non ci riferiamo a questo tipo di utilizzo, bensì al fatto che grazie a essi è possibile cuocere la carne, ma anche le patate e persino le torte, dall’interno, arrivando in certi casi addirittura a dimezzare i tempi di cottura.

6. Cuocere e congelare

Sai quanta energia impiega il forno a riscaldarsi? Tantissima, molto più di quanta ne occorre quando il forno è già acceso. Partendo da questo ragionamento, abbiamo pensato a un piccolo trucco per risparmiare energia e tempo: la prossima volta che userai il forno, non limitarti a cucinare la ricetta che hai preparato, ma sfruttalo anche per cuocere cibo che hai intenzione di mangiare nei giorni successivi per poi congelarlo in freezer e tirarlo fuori al momento opportuno.

7. Sfrutta il calore del forno

Quando termini la cottura di un qualsiasi cibo nel forno, spegnilo e lascia la porta aperta. Lascia che il calore riscaldi la cucina senza alcun costo aggiuntivo. Tra l’altro così facendo il forno si raffredderà più in fretta, prolungandone la vita.

8. Lascia raffreddare il cibo

Quando devi congelare del cibo, non metterlo subito nel freezer, ma aspetta che si raffreddi (massimo un’ora e mezza). La ragione è che i freezer, così come i frigoriferi, hanno un termostato che regola il funzionamento del motore affinché la temperatura si mantenga costante. Un cibo già raffreddato, quindi, richiederà meno energia da parte del freezer per mantenere la temperatura costante. E questo è lo stesso motivo per il quale il frigo non dovrebbe mai essere esposto alla luce diretta del sole o accanto al forno.

9. Lavatrice: lavaggi a freddo

È l’ora del bucato! In generale, preferisci sempre un lavaggio a pieno carico, piuttosto che più lavaggi piccoli, quindi pensa a lavaggi settimanali, piuttosto che giornalieri. Inoltre, anche la temperatura dell’acqua può fare la differenza: impostare un lavaggio a 30 gradi piuttosto che a 40, può farti risparmiare energia fino a un terzo.

10. Usa lo stendibiancheria

Può sembrare banale, ma quanti di noi, soprattutto in inverno, preferiscono asciugare i vestiti sui termosifoni? Ebbene, sappi che non è una buona idea, poiché la caldaia dovrà aumentare la sua potenza per riscaldare efficientemente la casa. Per non parlare dell’asciugatrice, che spesso rovina anche i capi.

Come risparmi in cucina

Noi ti abbiamo dato qualche idea, ma vogliamo estendere questa lista col contributo della community di Nedben, quindi ti chiediamo: quali sono i tuoi trucchi per risparmiare energia in cucina? Raccontaci i tuoi segreti.