Che tu abbia compiuto 18 anni qualche giorno fa o molti anni fa, è sempre tempo per un tatuaggio! Chi non ne ha uno, ormai?

Certo, ci sono ancora quelli che: «sì, ma l’ago, il dolore…» e quelli che: «sì, ma fanno male alla pelle», ma ne restano sempre di meno. Anche perché ormai le tecniche si sono evolute e gli aghi non fanno più tanto male e gli inchiostri non contengono più metalli pesanti in altissime percentuali come in passato.

L’unica obiezione che ancora si può muovere a questa forma d’arte è: «sì, ma costano un casino». E purtroppo è vero.

Farsi un tatuaggio è costoso: gli inchiostri, gli aghi, i macchinari, sono parte del prezzo finale, ma è soprattutto la mano dell’artista a stabilire la tariffa.

Contrattare sul prezzo con il tatuatore, però, è irrispettoso nei suoi confronti, inoltre quando si tratta di una faccenda così delicata, è la cosa meno raccomandabile: farsi rovinare la pelle per risparmiare su un tatuaggio non è per nulla una mossa intelligente.

Esistono tanti altri modi per risparmiare su un tatuaggio. Per esempio, vale la pena di tentare con quelli che ti consigliamo in questo articolo.

Usa i coupon

Basta andare su siti come Groupon e simili e cercare “tatuaggi” e il nome della tua città per trovare tante offerte di studi di tatuatori in zona. Le percentuali di sconto possono arrivare a numeri sorprendentemente alti, il che significa che potresti trovarti a pagare un prezzo di gran lunga inferiore a quello pattutito inizialmente.

Tuttavia, tieni presente che in questi casi alcuni tatuatori potrebbero applicare limitazioni importanti: alcuni studi, per esempio, non ti permetteranno di scegliere l’artista, mentre altri non ti consentiranno di scegliere la dimensione del tatuaggio.

Il modo migliore per accertarsi della bontà dell’offerta è quella di informarsi presso lo studio interessato e capire quali sono le limitazioni del caso.

La stagione giusta per risparmiare su un tatuaggio è…

…l’inverno! Già, è proprio l’inverno. E sai perché? Per due motivi, uno di natura tecnica e uno di natura commerciale: il primo è che in inverno, essendo meno esposto alla luce esterna e al sudore, l’inchiostro resisterà meglio al rigetto della pelle, il che significa sia una guarigione più veloce che una seduta in meno da pagare. Il secondo motivo, invece, è che nonostante questo enorme vantaggio appena esposto, i clienti che vogliono farsi tatuare in inverno sono davvero pochi, e quindi i prezzi si fanno più bassi.

Insomma, se ci stai pensando proprio in questo periodo, non pensarci troppo!

Depila la parte prima della seduta

Consiglio che vale soprattutto per gli uomini: bisogna depilarsi prima di recarsi allo studio!

Questo perché, sebbene la maggior parte dei tatuatori siano attrezzati, odiano chi si presenta alla prima seduta con la parte da tatuare non depilata. Inoltre, questo si traduce in un maggiore tempo speso in studio, che naturalmente va pagato. Tempo e denaro che potresti risparmiare provvedendo tu stesso alla depilazione con una crema o un rasoio.

Oltre a ciò, depilandoti circa 24 ore prima, i pori avranno il tempo di richiudersi e al momento del tatuaggio il passaggio dell’ago sarà meno doloroso e il rigetto di gran lunga minore.

Affidati alla creatività dell’artista

I tatuatori sono veri e propri artisti, che devono dedicare una parte del loro tempo all’autopromozione. Se navighi un po’ sui loro profili social e sulle pagine Facebook degli studi della tua città, potrai notare che spesso questi artisti partecipano a open day, oppure chiedono volontari per un determinato tipo di tatuaggio. Se sei interessato semplicemente ad avere un pezzo d’arte sulla tua pelle, piuttosto che al significato simbolico che un tatuaggio può avere, ti farà piacere sapere che spesso queste situazioni possono tradursi in un tatuaggio gratis o in un enorme sconto.

Come risparmierai sul tuo prossimo tatuaggio?

Hai dei tatuaggi? Quanto li hai pagati? Cosa consiglieresti per risparmiare? Racconta la tua esperienza su Nedben.