Qui su Nedben parliamo tanto di come vivere una vita al risparmio, dispensiamo consigli alle famiglie su come mantenersi con un budget limitato basandoci sull’esperienza nostra e della community, ma sappiamo che le famiglie non sono l’unica categoria ad aver bisogno di risparmiare. La vita di uno studente fuori sede, per esempio, può essere molto complicata sotto questo aspetto.

Vivere lontano da casa, per conto proprio, durante il periodo degli studi universitari, è forse la prima genuina esperienza di mantenimento con un budget limitato.

Per fortuna, anche gli studenti universitari possono contare su diversi modi per risparmiare sulla vita quotidiana. Ecco qualche consiglio.

La casa

Il primo passo per uno studente fuori sede è quello di trovare una sistemazione: gli affitti nelle grandi città sono troppo alti per un singolo studente, a meno che lo stesso non abbia un lavoro molto remunerativo.

Ecco quindi che la soluzione più abbordabile diventa quella coabitativa: gli aggregati abitativi di due o più coinquilini non sono rari e se fino a qualche decennio fa c’erano molti pregiudizi a riguardo, oggi si tratta di una soluzione universalmente accettata sia in Italia che in Europa.

E in effetti condividere le spese è una strategia che paga, oltre ad aiutare a combattere la solitudine e a condividere la propria esperienza con qualcuno che si trova nella stessa situazione.

Per un ulteriore risparmio, l’opzione migliore è quella di un’abitazione in affitto con utenze incluse: in questo modo eviterai di doverti preoccupare delle bollette di acqua, luce, gas e internet.

Il cibo

Altro punto importante è la spesa. Di certo non potrai mangiare takeaway tutte le sere, se vuoi risparmiare, ti pare?

Ma la vita di uno studente fuori sede non deve per forza essere cene tristi a base di cibi surgelati e scatolame vario. Imparare a cucinare, anche poche ricette base, è importantissimo per risparmiare: al supermercato, infatti, troverai cibi molto più convenienti del tonno in scatola o delle pizze surgelate da scaldare nel forno. Verdure e carni, per esempio, possono permetterti di mangiare pasti sostanziosi ed economici. Impara a leggere le offerte e approfitta degli alimenti a prezzi ridotti perché prossimi alla scadenza, visto che potrai comunque congelarli, e se hai il problema di un coinquilino troppo “invadente” non esitare a munire i tuoi mobili di catenaccio e catenina.

I trasporti

Un’auto o uno scooter non sono proprio la scelta più economica per muoversi, se sei uno studente fuori sede. Se abiti vicino all’università, è facile che tu decida di muoverti a piedi, ma i mezzi pubblici sono sicuramente l’alternativa più scelta, visto che le metropolitane sono più o meno puntuali in tutte le grandi città. Altrimenti, se vuoi risparmiare ulteriormente, punta sulla bicicletta: cerca di evitare le strade particolarmente trafficate per non respirare smog a pieni polmoni e pedala verso un maggior risparmio e un ambiente più pulito grazie al tuo contributo!

Approfitta della tua condizione di studente

Essere uno studente ha molti vantaggi, per esempio sconti e vantaggi in tantissimi negozi, a partire dai supermercati, passando per cinema, teatro, musei, fast food, mezzi pubblici e altro ancora.

In particolare, nei quartieri vicini alle sedi universitarie i locali che praticano sconti a chi è in possesso di tessere universitarie sono praticamente a ogni angolo.

In genere ogni locale conferma la sua adesione con un avviso sulla porta d’ingresso o sul proprio sito internet, ma in ogni caso, non aver paura di chiedere.

 

Come risparmi da studente fuori sede?

Sei anche tu uno studente fuori sede? Lo sei stato in passato? È una vita fatta di rinunce o è possibile risparmiare con ingegno? Racconta la tua esperienza sulla community di Nedben.